GIULIANO BORTOLOMIOL

IL FONDATORE

Fratelli Bortolomiol

Documenti della metà del ‘700 attestano l’esistenza di Bartolomeo Bortolomiol, l’avo di cui in famiglia viene tramandato il nome ed il mestiere da generazioni. Bartolomeo per tutta la vita ha coltivato la vite sulle colline di Valdobbiadene trasmettendo ai suoi discendenti l’amore per la terra e l’attitudine a trarne il meglio. La sua lezione è giunta fino a Giuliano Bortolomiol che ha sempre creduto nella qualità e nel futuro del Prosecco a denominazione, ed in tal senso ha operato per tutta la vita.

I FRATELLI BORTOLOMIOL IN SCALA

da destra:
Giuliano, Labano e Guglielmo detto “Gemin” per distinguerlo dal padre

Carta Giuliano
Giuliano Bortolomiol

Nasce il 27 febbraio 1922 a Ponteggio

Vuole studiare, si mette in ginocchio, prega il padre che si convince e lo manda a scuola Montebelluna.

Figlio d’arte per tradizione familiare, e particolarmente portato per vocazione naturale, il giovane Giuliano Bortolomiol, si iscrive alla Scuola Enologica di Conegliano.

La vita da studente si interromperà nel 1943 quando dovrà arruolarsi e cercare di riportare
a casa la pelle.

Nell’immediato dopoguerra la vista dei vigneti abbandonati farà scattare in lui una scintilla, e la consapevolezza di avere una missione da condividere: la rinascita delle vigne e soprattutto l’elevazione del vino Prosecco per qualità e diffusione della conoscenza.

1928-1936

Scuole elmentari a Valdobbiadene
Ginnasio a Montebelluna

1936-1943

Scuola Enologica di Conegliano

1943-autunno 1944

Inizia il servizio militare in un autocentro a Monza
dal quale fugge in bicicletta per ritornare a Valdobbiadene

1945-1946

Frequenta l’ultimo anno della scuola enologica di Conegliano
Consegue il diploma, come si diceva allora, di enotecnico

1946

Anno di fondazione
della Confraternita del Prosecco

1949

Anno di fondazione della Società
“Cantina Fratelli Bortolomiol”